La tv italiana degli anni ’50

Italian TV of the '50sIl 1950 segna il primo decennio della televisione nelle case degli italiani: questo capitolo è in realtà la storia del suo canale pubblico, la RAI. Fino al 1970, quando i canali privati cominciarono ad apparire, Radio Audizioni Italiane (RAI) è stato l’unico broadcaster in Italia. Il servizio pubblico di proprietà delll’emittente statale è la prima azienda che ha portato la programmazione giornaliera nelle case degli italiani.

La Domenica Sportiva

Uno show televisivo radicato nella psiche culturale italiana, che è ormai parte della storia della TV, è La Domenica Sportiva. Andato in onda ogni domenica per decenni, La Domenica Sportiva è uno dei più antichi, più guardati e più vecchi programmi della RAI. I primi esperimenti di questo programma avvennero nell’ottobre del 1953, tre mesi prima del lancio ufficiale della trasmissione. Quando andò in diretta, La Domenica Sportiva fu un vero successo. L’attenzione degli spettatori era molto alta dato che si parlava di calcio, oltre che di Formula 1, nuoto, motociclismo, basket e dello sport in generale. Per i primi dieci anni della sua storia, lo spettacolo è stato un telegiornale laconico che elencava i risultati delle partite e la presentazione di alcune clip video delle partite più importanti della settimana.

Le trasmissioni sportive di oggi

Oggi l’Italia ha una miriade di altri spettacoli di calcio e di sport, ma La Domenica Sportiva rimane, anche se in una forma più evoluta. La versione moderna è una tavola rotonda di giornalisti, ex-giocatori, arbitri, comici e altre personalità che forniscono le loro opinioni sulle partite, intervallati da sketch comici e discussioni su altre tematiche. Vengono forniti i replay dettagliati di ogni giocata per cogliere più a fondo le varie azioni e le decisioni dell’arbitro. Oltre a questo, vengono intervistati allenatori, presidenti e giocatori per fornire delle informazioni utili al fine di comprendere meglio le partite, argomentare le azioni, i goal e valutare i giocatori in campo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *