La tv tra divertimento e apprendimento

TV between fun and learningNel 1959 andò in onda il primo episodio di Canzonissima. Questo programma fu subito amato dal popolo italiano, perché combina performance di canto con sketch comici, di danza e soubrette. Le parti comiche dello spettacolo sono state affidate ad alcuni dei più grandi nomi del cinema italiano come Ugo Tognazzi, Walter Chiari, Raimondo Vianello e Nino Manfredi.

Canzonissima e Il Mattatore

Canzonissima è stata il palcoscenico che ha lanciato la carriera di molte soubrette famose, che rapidamente hanno iniziato a gareggiare con gli attori per le copertine delle riviste di gossip. Canzonissima non era l’unico show condotto da attori popolari: nel 1959 debuttò un nuovo spettacolo condotto dal leggendario Vittorio Gassman chiamato “Il Mattatore”. Gassman è stato un attore completo capace di recitare in qualunque situazione, dalla commedia alla tragedia, dalle letture agli sketch comici fino agli spettacoli teatrali.

Televisione ed educazione

Nei suoi primi anni la TV italiana non ha offerto solo sport e divertimento, ma si presentava come uno dei mezzi migliori per diffondere la cultura e l’educazione. Quando la televisione ha debuttato in Italia, il Paese aveva un alto tasso di analfabetismo e il governo utilizzò la TV per risolvere il problema e cercare di insegnare alla gente come leggere e scrivere. Gli insegnamenti di base della scuola elementare sono stati trasmessi durante uno show televisivo chiamato “Non è mai Troppo Tardi”.

I primi anni della televisione in Italia hanno introdotto un notevole cambiamento nella cultura del Paese. Non solo hanno aiutato nell’istruzione coloro che non avevano avuto l’opportunità di frequentare la scuola, ma hanno anche contribuito alla scoperta di una nuova fonte di divertimento attraverso i programmi più amati in televisione italiana, come la Domenica Sportiva, che vanno in onda ancora oggi grazie al continuo interesse del pubblico che in tutti questi anni non ha mai smesso di abbandonare questa trasmissione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *